Guerra Ucraina-Russia, news di oggi in diretta. Mosca annuncia pausa nei combattimenti. Zelensky: “Grazie Johnson per sostegno in momenti difficili”

134esimo giorno di guerra in Ucraina, le notizie di oggi in tempo reale. L’avanzata russa si è fermata, Mosca ha annunciato ufficialmente pausa nei combattimenti. Per gli esperti potrebbe essere una pausa operativa per attendere rinforzi. Zelensky: “Con armi occidentali stiamo avanzando a Kherson e Zaporizhzhia, perdite russe aumenteranno”. Missili russi distruggono hangar pieni di grano a Odessa, bombardata l’università di Kharkiv. Nave russa con grano ha lasciato il porto in Turchia.

La procura ucraina indaga su 21mila crimini di guerra, intanto migliaia di civili sono ancora bloccati a Severodonetsk. Von der Leyen: “UE si prepari a nuovi tagli del gas da parte di Putin”. Si discute intanto sul piano di ricostruzione dell’Ucraina.

Per saperne di più:

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Kiev: “Colpita nave con gasolio, è una bomba ambientale”

Secondo l’esercito ucraino, un missile russo ha colpito una nave cisterna che trasportava 500 tonnellate di gasolio, già alla deriva nel Mar Nero: la Millenial Spirit, battente bandiera moldava, era già stata colpita da un missile qualche giorno dopo l’invasione, ora è  una “bomba a orologeria ambientale”, ha detto il comando operativo Sud ucraino. Lo riporta il Guardian. Da quando il cargo è stato colpito una prima volta, sta andando alla deriva senza equipaggio e con i resti del carburante diesel a bordo, ha detto l’esercito ucraino aggiungendo che “probabilmente il resto del carico” a bordo della Millenial Spirit sta “bruciando”.

Kiev: “Russi allestiscono base nell’aeroporto bielorusso di Ziabrivka”

“Sul territorio bielorusso sono presenti le forze armate russe a cui Minsk ha concesso l’aeroporto di Ziabrivka e dove stanno allestendo una base militare russa. Sul territorio dell’aerodromo ora si trovano una divisione missilistica Iskander M e una divisione missilistica C400 3 Y della Federazione Russa. Inoltre la Bielorussia si sta preparando per ricevere le armi promesse dalla Russia, nella periferia di Minsk stanno allestendo gli appositi capannoni per contenerle”. Lo ha detto in conferenza stampa Oleksii Hromov, vice del capo del dipartimento operativo delle forze armate dell’Ucraina.

Zelensky: “Grazie Johnson per sostegno in momenti difficili”

Il presidente Volodymyr Zelensky ha ringraziato il premier britannico Boris Johnson per il suo sostegno all’Ucraina “nei momenti più difficili”. Lo rende noto la presidenza ucraina.

Lavrov vede il cinese Wang: “Sanzioni inaccettabili”

L’Ucraina è stata al centro del colloquio di oggi fra i capi della diplomazia russa, Sergei Lavrov, e cinese, Wang Yi, a margine del G20 dei ministri degli Esteri a Bali. A quanto riferisce la Tass, Lavrov e Wang hanno convenuto che le sanzioni occidentali contro Mosca sono “inaccettabili”.

“Speciale attenzione è stata dedicata alla situazione in e attorno l’Ucraina, Lavrov ha informato la controparte cinese sulla realizzazione dei principali obiettivi dell’operazione speciale delle forze armate russe per proteggere i civili nel Donbass, demilitarizzare e denazificare l’Ucraina”, riferisce l’agenzia stampa russa, citando un comunicato del ministero degli Esteri di Mosca. “I due alti diplomatici hanno avuto uno scambio di vedute sulle attività occidentali relative alla questione ucraina. Entrambe le parti hanno sottolineato che introdurre sanzioni unilaterali eludendo l’Onu è inaccettabile – continua il comunicato -. I ministri hanno sottolineato che Russia e Cina continueranno a rafforzare le interazioni strategiche in una difficile situazione geopolitica, adottando le stesse o simili posizioni sulla vasta maggioranza delle questioni in discussione. Hanno confermato la prontezza a continuare ad approfondire il coordinamento in politica estera”.

Attacco russo a Kramatorsk: un morto e numerosi feriti

Almeno un civile è stato ucciso e molti altri sono stati feriti in un attacco russo a Kramatorsk, centro amministrativo nell’Ucraina orientale: hanno riferito giornalisti dell’Afp sul posto. L’esplosione ha lasciato un ampio cratere in un cortile tra un hotel ed edifici residenziali. Il capo della città Alexander Goncharenko ha parlato di un attacco aereo è stato effettuato nel centro della città,

Kramatorsk è una delle città più grandi della regione di Donetsk sotto il controllo dell’Ucraina. L’8 aprile, dopo che un missile Tochka-U ha colpito la stazione, 57 civili sono rimasti uccisi mentre si preparavano all’evacuazione

Dimissioni, Johnson: “Gran Bretagna continuerà a sostenere l’Ucraina”

Boris Johnson si è rivolto “al popolo ucraino” per assicurare che il Regno Unito “continuerà a sostenere l’Ucraina” con forza anche dopo la sua uscita di scena. Il premier lo ha detto nel discorso alla nazione in cui ha annunciato le dimissioni da leader Tory: discorso dal tono assertivo e ottimista, nonostante tutto, pronunciato dinanzi a una piccola folla di ministri e funzionari tra i più fedeli, e alla first lady Carrie con cagnolino in braccio, rivendicando fra i meriti della sua premiership il ruolo di prima fila svolto al fianco di Kiev dopo l’invasione della Russia.

Ue, impediremo a Mosca di usare il G20 per fare disinformazione

“Per l’Ue il G20 resta un forum chiave per risolvere i problemi globali, il multilateralismo deve funzionare anche in tempi di crisi. La brutale guerra di Putin in Ucraina esclude la possibilità che il G20 operi come se nulla fosse, in modalità business as usual, poiché la delegazione russa rischia di compromettere la reputazione del G20: noi senz’altro non permetteremo a Mosca di trasformare il G20 in una sua piattaforma di disinformazione”. Lo ha detto un portavoce della Commissione Ue commentando la presenza del ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov a Bali.

Kiev: 347 bambini ucraini uccisi da inizio invasione russa

Sono 347 i bambini uccisi e 646 feriti in Ucraina dall’inizio dell’invasione russa, secondo gli ultimi dati, non definitivi, forniti dalla Procura generale di Kiev. Lo riporta Ukrinform. Il maggior numero di vittime è stato registrato nelle regioni di Donetsk,  Kharkiv, Kiev, Chernihiv, Lugansk.

Boris Johnson si dimette, Medvedev: “Vanno via i migliori amici di Kiev”

“Notizie da Londra. I ‘migliori amici dell’Ucraina’ se ne vanno. La ‘Vittoria’ è in pericolo! Il primo è andato…”. È il commento sarcastico su Telegram dell’ex presidente e attuale vice presidente del Consiglio di Sicurezza russo, Dmitri Medvedev, alle previste dimissioni di Boris Johnson in Gran Bretagna, definendo la crisi “il logico risultato dell’arroganza britannica e della politica mediocre. Soprattutto sulla scena internazionale”. Il post termina con un “P.S. Attendiamo notizie da Germania, Polonia e Stati baltici”, seguito da uno smile che ride fino alle lacrime. “Speriamo che persone più professionali e in grado di prendere decisioni attraverso il dialogo arriveranno un giorno al potere in Gran Bretagna”  ha detto invece il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, rispondendo a una domanda sulla crisi nel Regno Unito e alle previste dimissioni di Boris Johnson.

Mosca annuncia una pausa nei combattimenti

Il ministero della Difesa russo ha ufficialmente annunciato una pausa nei combattimenti in Ucraina.  Secondo un portavoce del ministero della Difesa, citato dall’agenzia Tass, le unità che hanno svolto “missioni di combattimento” stanno adottando misure “per ricostituire le proprie capacità di combattimento”.

“I militari hanno l’opportunità di riposare, ricevere lettere e pacchi da casa”, ha affermato la TASS citando il suo interlocutore al ministero della Difesa.  In precedenza, i media locali avevano annunciato che il ministro della Difesa Sergei Shoigu aveva riferito al presidente Vladimir Putin della “completa liberazione” della regione ucraina di Lugansk e che Putin per questo aveva ordinato di dare tempo ai militari di riposare.

L’esercito ucraino issa bandiera sull’isola dei Serpenti, russi la bombardano

Una grande bandiera dell’Ucraina è stata issata sull’Isola dei Serpenti, riconquistata nei giorni scorsi, con un messaggio scritto sopra: “Ricorda, nave da guerra russa, l’isola dei Serpenti è ucraina”. Lo ha annunciato sui social il portavoce del capo dell’amministrazione militare regionale di Odessa Sergiy Bratchuk postando le foto.

Il ministero della Difesa russo ha affermato però di aver ucciso nella notte soldati ucraini che stavano cercando di alzare la bandiera dell’Ucraina sull’isola dei Serpenti.”La notte del 7 luglio – ha detto il ministero – Kiev ha tentato di issare  simbolicamente la bandiera sull’isola. Intorno alle 5 del mattino diversi militari ucraini sono sbarcati e hanno scattato foto con la bandiera. L’aereo delle forze aerospaziali russe ha immediatamente lanciato un attacco con missili ad alta precisione sull’isola e alcuni soldati sono stati uccisi”. Il comando operativo ucraino ha confermato l’attacco missilistico sull’Isola, parlando di danni al molo d’attracco, ma senza alcun riferimento a vittime tra i suoi soldati.

Nave russa con grano lascia porto in Turchia

L’imbarcazione battente bandiera russa Zhibek Zholy, accusata di trasportare grano ucraino rubato, ha lasciato mercoledì sera le acque di fronte al porto di Karasu in Turchia, località situata a un centinaio di km a est di Istanbul. Lo rende noto Sabah. L’ambasciatore ucraino ad Ankara Vasyl Bodnar aveva annunciato domenica che le autorità turche avevano sequestrato la nave, accusata di avere lasciato il porto di Berdyansk, non lontano da Mariupol, carica di grano rubato dall’Ucraina. Fonti russe avevano invece riferito che la nave stava solo aspettando autorizzazioni per entrare in porto.

Dopo la notizia, l’ambasciatore turco a Kiev, Yagmur Ahmet Guldere, è stato convocato dal ministero degli Esteri. Lo rendono noto vari media turchi. “A causa dell’inaccettabile situazione che ha avuto sviluppi, l’ambasciatore turco a Kiev è stato convocato”, si legge in un comunicato del ministero degli Esteri ucraino, come riporta Interfax, in cui viene denunciato che “ignorando l’appello da parte dell’Ucraina, l’imbarcazione è stata rilasciata la sera del 6 luglio” dalle autorità turche.

A Odessa missili russi hanno distrutto 35 tonnellate di grano

A Odessa i missili russi hanno distrutto 35 tonnellate di grano, lo riportano le autorità locali ucraine. All’alba del 7 luglio, l’esercito russo infatti ha lanciato attacchi missilistici sulla regione di Odessa e sull’isola di Zmeiny, e secondo Sergei Bratchuk, portavoce dell’amministrazione militare di Odessa, “Due capannoni agricoli sono stati colpiti e 35 tonnellate di grano sono state distrutte”. Secondo le prime informazioni, non ci sono vittime.

Governatore del Lugansk: “Ucraini costretti ad arruolarsi per combattere contro il loro Paese’

“Per i russi noi governatori siamo un obiettivo, solo le donne e i bambini possono muoversi verso l’Ucraina libera. Gli uomini vengono costretti ad arruolarsi per combattere contro l’Ucraina” lo ha detto Serhiy Haidai, governatore del Lugansk fino alla sua caduta in mano ai russi. “I russi usano un metodo ancora più subdolo della coscrizione obbligatoria. Affiggono annunci di lavoro con paghe doppie o triple rispetto alla media. Quando gli uomini si presentano vengono arruolati con la forza. La spiegazione è semplice: dal 2014 moltissimi uomini hanno lasciato le terre dei separatisti e non hanno soldati a sufficienza per poter supportare le truppe russe” ha sottolineato in una intervista a La Stampa.

Governo italiano pronto ad aumentare le sanzioni alla Russia, a patto che siano sostenibili

Governo italiano pronto ad aumentare le sanzioni alla Russia, a patto che siano sostenibili. “L’Italia è pronta ad aumentare la pressione su Mosca, a condizione che vi sia l’impegno a garantire la sostenibilità delle misure restrittive mitigandone l’impatto negativo”: lo ha detto il sottosegretario Vincenzo Amendola, in audizione fare un bilancio sull’esito del Consiglio europeo.

Lavrov al G20: posizione Russia-Cina ha sempre più sostegno

“La posizione di Russia e Cina trova sempre più sostegno, in contrasto con le politiche aggressive dell’Occidente”, lo ha affermato il Ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov che guida la delegazione russa al G20 di Bali. “Russia e Cina rafforzeranno la loro cooperazione di fronte ai tentativi degli Usa e dei loro satelliti di contenere il loro sviluppo” ha aggiunto il ministro degli Esteri. Lavrov incontrerà oggi i colleghi di Turchia e Cina, Mevlut Cavusoglu e Wang Yi, riferisce la Tass.

Kiev, 7 morti in bombardamenti Donetsk in 24 ore

Sette persone sono morte e altre due sono rimaste ferite nelle ultime 24 ore in seguito ai  bombardamenti russi nella regione di Donetsk: lo ha reso noto il capo dell’amministrazione militare regionale, Pavlo Kyrylenko, secondo quanto riferisce Ukrinform. I morti sono stati segnalati a Toretsk (3), Avdiivka (2), Kodem (una) e Siversk (una). “È attualmente impossibile determinare il numero esatto delle vittime a Mariupol e Volnovakha”, ha commentato Kyrylenko.

Perché l’avanzata russa in Ucraina si è fermata dopo l’accerchiamento di Lysychansk

Dopo i terribili e sanguinosi combattimenti che hanno portato all’accerchiamento di Lysychansk, l’avanzata russa in Ucraina si è fermata. La conferma arriva sia da Kiev che indirettamente da Mosca dove per la prima volta dall’inizio dell’invasione non hanno rivendicano alcuna conquista territoriale. Per gli esperti potrebbe essere sintomo di una possibile “pausa operativa”.

Missili russi distruggono hangar pieni di grano a Odessa

Missili da crociera russi hanno colpito e distrutto nella notte hangar agricoli con tonnellate di grano nella regione di Odessa. Lo riferisce il Comando Operativo Sud dell’Esercito ucraino, riportato da Ukrinform. Nelle prime ore del mattino, aerei della Federazione hanno attaccato l’isola dei Serpenti, liberata dalle forze ucraine nei giorni scorsi: “L’isola è stata centrata da due missili lanciati dall’aria. Il molo è stato danneggiato in modo significativo”, afferma Kiev.

Londra: pesanti bombardamenti russi su Donetsk ma scarsi progressi 

Ieri “ci sono stati altri pesanti bombardamenti lungo la linea del fronte di Donetsk, ma la Russia ha fatto pochi progressi”: cosi’ l’intelligence britannica nel suo bollettino quotidiano sulla guerra in Ucraina. “Le unità russe coinvolte nelle conquiste della scorsa settimana – si legge ancora – si stanno probabilmente riorganizzando”.  L’intelligence di sua Maestà osserva inoltre che il 5 luglio scorso il governo russo ha presentato alla Duma un disegno di legge per introdurre “misure economiche speciali” e che tale provvedimento “è probabilmente un tentativo da parte del Cremlino di attuare misure economiche per sostenere l’operazione militare speciale senza una dichiarazione di mobilitazione dello Stato, che resta un tema sensibile dal punto di vista politico”.

Kiev: Circa 12 mila persone sono rimaste a Lisichansk occupata dia russi

Il vice primo ministro ucraino Irina Vereshchuk ha dichiarato in televisione che circa 12 mila residenti locali sono rimasti a Lisichansk dopo la ritirata dell’esercito ucraino. “La maggior parte è riuscita a evacuare ma ci sono persone che sono rimaste per determinati motivi oggettivi e soggettivi”, ha spiegato Vereshchuk come riporta l’agenzia Ukrinform. Prima dell’inizio della guerra, la popolazione di Lisichansk era di quasi 100mila abitanti.

Zelensky: “Esercito russo ha distrutto l’università di pedagogia di Kharkiv”

L’università di pedagogia di Kharkiv, nell’Ucraina orientale, è stata distrutta ieri da un missile russo, che ha demolito l’edificio centrale, le sale di lettura, il museo dell’università e la libreria scientifica. Lo ha dichiarato ieri sera il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, nel consueto videomessaggio. “Questo definisce al 100 per cento l’invasione russa. Solo un nemico della civiltà e dell’umanità può fare questo”, ha affermato il capo di Stato.

Procura Kiev: indagine su oltre 21mila crimini di guerra

Oltre 21.000 crimini di guerra presumibilmente commessi dalle forze russe sono oggetto di indagine da parte delle autorità ucraine. Lo riferisce il procuratore generale dell’Ucraina, Irina Venediktova. L’ufficio di Venediktova riceve ogni giorno segnalazioni di 200-300 crimini di questo tipo, rende noto Nexta Tv.

Zelensky: “Con Armi occidentali stiamo avanzando a Kherson e Zaporizhzhia”

Le armi pesanti inviate all’Ucraina dai suoi alleati occidentali hanno finalmente iniziato a lavorare a “piena capacità” sulla linea del fronte. Lo ha dichiarato il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, nel suo messaggio video notturno. Zelensky ha spiegato che i nuovi armamenti hanno consentito di prendere di mira i magazzini russi e altre aree “importanti per la logistica”.  “I contrattacchi ucraini hanno drasticamente ridotto il potenziale offensivo della Russia” e “le truppe ucraine stanno già avanzando in diverse direzioni tattiche, come nelle regioni di Kherson e Zaporizhzhia” ha aggiunto Zelensky

La Gran Bretagna velocizza la ratifica dell’adesione Nato di Svezia e Finlandia

Il ministro degli Esteri britannico, Liz Truss, ha annunciato che la ratifica dell’adesione alla Nato di Svezia e Finlandia verrà velocizzata. “Momento importante per la firma dello strumento di ratifica per accelerare l’adesione alla Nato per Finlandia e Svezia. Ora andrà a Washington per entrare in vigore. L’aggressione russa sta incontrando unità e determinazione”, ha scritto su Twitter la responsabile della diplomazia di Londra.

Zelensky: “Importante dare a donne e bambini la possibilità di tornare a casa”

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha affermato che la priorità per l’Ucraina rimane la “sicurezza del cielo e c’è una conferma teorica della fornitura di pertinenti sistemi di difesa all’Ucraina. Non importa come si svolga la guerra sul campo di battaglia, la priorità – ha sottolineato durante un briefing con il Primo Ministro Michal Martin a Kiev – resta la sicurezza del cielo. Contiamo sull’arrivo di un potente sistema di difesa aerea”.

Secondo Zelensky, la velocità del ritorno degli sfollati in Ucraina dipenderà da tali forniture, che possono proteggere dal lancio di razzi: “È importante, perché darà a donne e bambini la possibilità di tornare a casa. I bambini devono andare a scuola, gli adulti devono andare all’università, lavorare”.

Lo speaker della Duma minaccia di attaccare l’Alaska

Lo speaker della Duma russa, Vyacheslav Volodin, ha minacciato gli Stati Uniti: “Si ricordino che l’Alaska è nostra, possiamo riprendercela”.

Dove la Russia sta avanzando in Ucraina secondo l’Intelligence inglese

Russia-Ucraina, le news di oggi 7 luglio 2022 sulla guerra

1657202731 567 Guerra Ucraina Russia news di oggi in diretta Mosca annuncia pausa

L’esercito russo avanza in Donbass. Dopo i successi a Severodonetsk e Lysychansk, adesso si sta concentrando sul Donetsk. Secondo l’intelligence inglese, la nuova battaglia chiave della guerra potrebbe essere quella di Sloviansk. A Zaporizhzhia i russi bruciano i campi di grano con bombe al fosforo.

Per il presidente ucraino Zelensky “la priorità per l’Ucraina rimane la sicurezza del cielo e c’è una conferma teorica della fornitura di pertinenti sistemi di difesa. È importante, perché darà a donne e bambini la possibilità di tornare a casa. I bambini devono andare a scuola, gli adulti devono andare all’università e a lavorare”. Gb velocizza ratifica adesione Nato di Svezia-Finlandia.

We would love to say thanks to the writer of this short article for this amazing content

Guerra Ucraina-Russia, news di oggi in diretta. Mosca annuncia pausa nei combattimenti. Zelensky: “Grazie Johnson per sostegno in momenti difficili”

You can find our social media profiles here and other related pages herehttps://prress.com/related-pages/