Usa e alleati compatti contro i referendum annunciati da Putin | La Cina chiede il cessate il fuoco. Dopo il discorso di Putin, esauriti i voli da Mosca

di Francesco Battistini, Viviana Mazza e Paolo Foschi

Le notizie di mercoled 21 settembre: Gli Stati Uniti valutano l’invio di carri armati all’esercito di Kiev

• La guerra in Ucraina arrivata al 210mogiorno

L’annuncio di Vladimir Putin dei referendum in 4 regioni dell’Ucraina preoccupa la comunit internazionale: si va verso l’annessione di quei territori, un passaggio che comporta un’escalation del conflitto, poich in caso di vittoria ai referendum (scontata) ogni attacco sar ora considerato, da Mosca, contro il territorio russo.
• Gli Stati Uniti temono che la mossa dei referendum possa servire per giustificare l’uso di armi nucleari tattiche.
• Proseguono i combattimenti. Le truppe russe, costrette a difendersi dalla controffensiva ucraina, continuano a martellare le linee avversarie con artiglieria e raid aerei. In uno dei bombardamenti, ucciso un foreign fighter italo-olandese, Benjamin Giorgio Galli.

• Preoccupazione per le centrali nucleari ucraine.

Ore 14:59 – Zelensky, Putin vuole farci affogare nel sangue dei suoi stessi soldati

Vladimir Putin vuole affogare l’Ucraina nel sangue, ma anche nel sangue dei suoi stessi soldati. Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un’intervista a Bild.

Ore 14:34 – Usa, prendiamo sul serio la minaccia nucleare di Putin

Gli Stati Uniti prendono sul serio la minaccia nucleare da parte di Putin e se la Russia dovesse usare l’arma nucleare ci saranno conseguenze gravi. Lo ha detto il portavoce del consiglio per la sicurezza nazionale americana John Kirby ad Abc news. Continuiamo a monitorare la loro posizione strategica per capire se il caso di modificare la nostra. Al momento non ci sono segnali che dobbiamo farlo, ha aggiunto ribadendo che l’atteggiamento della Russia sul nucleare da irresponsabili.

Ore 14:31 – Ue, Putin minaccia uso armi nucleari, va fermato

Il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin sta facendo una scommessa nucleare, usando l’arma atomica come parte del suo arsenale del terrore. Questo dimostra, a chi avesse ancora dei dubbi nella comunit internazionale sulle sue intenzioni, fino a dove disposto a spingersi nella sua aggressione al popolo ucraino. Lo dice il portavoce della Commissione Europea per gli Affari Esteri Peter Stano, durante il briefing con la stampa a Bruxelles.

Quello che preoccupante – continua Stano – che qualsiasi uso di armi nucleari non colpirebbe solo il territorio in cui viene condotto, ma il territorio dell’Ucraina, quello dell’Europa e quello dell’Asia. Avrebbe conseguenze imprevedibili per il mondo intero. La comunit internazionale dovrebbe essere unita nell’esercitare pressione su Putin perch cessi questo comportamento temerario. E’ un tema che viene discusso attualmente dai leader all’assemblea generale dell’Onu. L’Ucraina, conclude, sta conducendo una guerra legittima per l’autodifesa e l’Ue la sosterr per tutto il tempo necessario.

Ore 14:00 – Esauriti i voli da Mosca dopo annuncio mobilitazione Putin

Quasi tutti i voli in partenza dalla Russia sono stati esauriti in poche ore dopo che Vladimir Putin ha annunciato una mobilitazione parziale dei riservisti. Lo scrive il Guardian. I dati di Google Trends hanno mostrato un’impennata nelle ricerche di Aviasales, il sito web pi popolare in Russia per l’acquisto di voli, dopo che l’annuncio del presidente russo ha fatto temere che gli uomini abili al combattimento non potessero espatriare. Secondo Aviasales, i voli da Mosca verso Georgia, Turchia e Armenia, destinazioni che consentono ai russi di entrare senza visto, sono andati esauriti dopo pochi minuti dall’annuncio di Putin.

Ore 13:41 – Cina chiede dialogo, sforzi per pace dopo discorso

La Cina sollecita il dialogo e a trovare soluzioni per le legittime preoccupazioni per la sicurezza di tutti i Paesi e sostenere il cessate il fuoco attraverso tutti gli sforzi volti alla risoluzione pacifica della crisi. Lo ha dichiarato il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Wang Wenbin, dopo il discorso alla nazione del presidente russo, Vladimir Putin, che ha annunciato la mobilitazione militare parziale che prevede il richiamo di circa 300mila riservisti. Il portavoce ha poi ribadito che la posizione cinese sulla crisi ucraina chiara e lineare.

Ore 13:21 – Per Mosca sempre una operazione speciale

Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha detto che non stata presa alcuna decisione in merito al cambiamento dello status dell’operazione militare speciale e all’imposizione della legge marziale in Russia

Ore 13:06 – I riservisti non possono lasciare la loro residenza

I riservisti russi che potrebbero essere inviati al fronte in Ucraina non possono lasciare la propria residenza senza il permesso dei commissariati militari Lo ha detto Andrey Kartapolov, presidente della commissione difesa della Duma. La mobilitazione dichiarata da Vladimir Putin dovrebbe riguardare circa 300.000 giovani

Ore 12:46 – Portavoce Zelensky: L’esercito russo ha fallito in tutto

L’annuncio della mobilitazione parziale dei riservisti in Russia un riconoscimento dell’incapacit dell’esercito professionale russo, che ha fallito in tutti i suoi compiti. Lo afferma un portavoce del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, Sergii Nikoforov, in una dichiarazione ad Associated Press. Come possiamo vedere, le autorit russe intendono bilanciare questo con la violenza e la repressione contro il proprio popolo. Prima finir, meno figli russi andranno a morire al fronte, ha concluso il portavoce.

Ore 12:07 – No al rientro di russi che combattono in Ucraina

I cittadini della Federazione russa regolarmente residenti in Estonia che andranno a combattere in Ucraina non saranno riammessi nel Paese. Lo ha annunciato oggi Veiko Kommusaar, sottosegretario per la Sicurezza interna del ministero degli Interni di Tallinn. La dichiarazione di Kommussaar – che arriva dopo la mobilitazione di circa 300.000 riservisti annunciata in mattinata da Vladimir Putin – riguarda solo i cittadini russi residenti in Estonia con un regolare permesso di soggiorno.

Ore 12:05 – Cremlino: Mobilitazione necessaria perch affrontiamo l’intera Nato

La decisione di annunciare una mobilitazione parziale stata presa da Vladimir Putin a causa del fatto che la Russia in Ucraina sta affrontando il potenziale militare dell’intera Nato e di una serie di altri paesi ostili. Lo sostiene il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. Il presidente Putin ha parlato di come sono cambiate le condizioni durante l’operazione militare speciale (guerra in Ucraina, ndr) nel suo discorso. stato il presidente Putin a dire che, in effetti, ora ci troviamo di fronte al potenziale militare della Nato e di un certo numero di altri Paesi ostili a noi, ha detto Peskov.

Ore 11:44 – Navalny: terribile. Non capisco perch dovrebbero chiamare i civili

un’enorme tragedia ma non rinuncia al suo humor nero il politico Alexei Navalny, oppositore di Vladimir Putin detenuto in un carcere di massima sicurezza. E lo usa per commentare le notizie sulla mobilitazione annunciata in Russia da Putin stesso. Durante un’udienza in tribunale a Kovrov – dove sono all’esame della corte le sue affermazioni contro la colonia di massima sicurezza n. 6 della regione di Vladimir – Navalny ha dichiarato: Non capisco una cosa. L’esercito sono un milione di persone, la Guardia Nazionale sono 350mila persone, il Ministero degli Interni da uno e mezzo a due milioni, e ci sono cos tante persone nel Servizio Penitenziario Federale. Perch dovrebbero chiamare i civili? Cio, cinque milioni di renitenti alla leva correranno avanti e indietro attraverso il Paese. E un milione di poliziotti li rincorrer per mobilitarli da qualche parte. In questo momento, dei lavoratori di Kovrov, uomini di 30 anni, saranno chiamati a soccombere da qualche parte vicino a Kherson. tutto terribile. Penso che non chiameranno da Mosca. Convocate 50.000 persone da Mosca, e domani 150.000 parenti protesteranno per strada.

Ore 11:44 – Il sindaco di Kiev: Cos Putin seppellir il suo Paese

La mobilitazione e le minacce nucleari annunciate da Putin non aiuteranno l’aggressore nel suo tentativo di conquistare e distruggere l’Ucraina e gli ucraini. Lo ha dichiarato il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, commentando su Telegram il discorso pronunciato stamane dal presidente russo, Vladimir Putin. Alla fine il tiranno ha avviato i processi che lo seppelliranno nel suo Paese. Ed il mondo civilizzato deve finalmente capire che il male va estirpato alle radici e non parlare di illusori “negoziati di pace”, ha aggiunto.

Ore 11:41 – Lettonia: No ai visti per i russi che fuggono da una mobilitazione

Il governo lettone ha chiarito oggi che non intende concedere alcun visto umanitario ai cittadini russi che intendano sfuggire alla mobilitazione parziale annunciata da Vladimir Putin. Su Twitter, il ministro degli Esteri, Edgars Rinkevics, ha citato motivi di sicurezza per giustificare questa scelta ed ha fatto sapere che per il momento la Lettonia si limiter a consultarsi con altri alleati per decidere eventuali azioni congiunte dopo l’annuncio di Putin.

Ore 11:18 – Russia: le nuove unit schierate al confine con l’Ucraina

Con i riservisti mobilitati in Russia saranno innanzitutto formate nuove unit che avranno il compito di difendere i confini con l’Ucraina e creare nel territorio russo vicino alla frontiera una profondit tattica a sostegno delle forze impegnate nelle operazioni in Ucraina. Lo ha detto Andrei Kartapolov, presidente della commissione Difesa della Duma, la camera bassa del parlamento russo. Kartapolov ha precisato che i primi ad essere mobilitati saranno soldati e sottufficiali fino a 35 anni di et e ufficiali inferiori fino ai 45.

Ore 11:09 – Biden all’Onu chieder al mondo di opporsi all’aggressione russa

Il punto cruciale dell’intervento di quest’anno del presidente Usa Joe Biden all’Assemblea generale dell’Onu, atteso per le 16.35 ora italiana, sar una forte condanna della Russia per la guerra in Ucraina. Lo riferiscono funzionari della Casa Bianca. Biden pronuncer un fermo rimprovero per la guerra ingiusta della Russia in Ucraina e far un appello al mondo affinch continui a opporsi all’aggressione, ha riferito il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Jake Sullivan, offrendo delle anticipazioni del discorso del presidente. Biden definir l’invasione un affronto al cuore di ci che l’Onu rappresenta: Sottolineer l’importanza di rafforzare le Nazioni Unite e riaffermer i principi fondamentali della sua Carta, in un momento in cui un membro permanente del Consiglio di sicurezza ha colpito il cuore stesso dello statuto, sfidando il principio dell’integrit territoriale e della sovranit, ha aggiunto Sullivan.

Ore 10:57 – La vicepremier spagnola: L’annuncio di Putin una notizia drammatica

L’annuncio di Vladimir Putin sulla mobilitazione militare parziale in Russia costituisce una notizia drammatica, che conferma che questa una guerra lunga e crudele, enormemente ingiusta e dura sia per gli ucraini sia per i cittadini russi forzati alla chiamata alle armi: cos la vicepremier spagnola Teresa Ribera, raggiunta dai microfoni della Cadena Ser e di altri media iberici. Fa presagire un inverno complicato, ha aggiunto Ribera.

Ore 10:38 – La Cina chiede di usare tutti i mezzi necessari per un cessate il fuoco

Alla richiesta di commentare le parole del presidente russo Vladimir Putin, che annunciando la mobilitazione parziale ha detto che nella crisi ucraina verranno usati tutti i mezzi necessari, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha risposto invitando a un cessate il fuoco tramite negoziati e a soluzioni che rispondano alle preoccupazioni di sicurezza di tutte le parti. Lo riporta il Global Times.

Ore 10:20 – Il Papa:una pazzia pensare all’uso di armi nucleari

Vorrei fare presente una terribile situazione della martoriata Ucraina: all’udienza generale del mercoled papa Francesco ha rivolto il suo pensiero al conflitto in corso spiegando di aver saputo dal card. Krajewskidi notizie di malvagit e mostruosit, di cadaveri torturati. Anche all’inizio della cateches Bergoglio ha fatto riferimento all’Ucraina: riferendo del recente viaggio in Kazakistan e della scelta del Paese di dire no alle armi nucleari, Francesco ha osservato: In questo stato coraggioso. In un momento in cui questa tragica guerra ci porta a che alcuni pensino alle armi nucleari, quella pazzia. parole che suonano come un implicito riferimento alle ultime minacce sibilline di Putin.

Ore 10:14 – Russia: Opposizione convoca proteste contro mobilitazione

In Russia il movimento d’opposizione Vesna ha convocato proteste a livello nazionale per oggi contro la mobilitazione parziale annunciata dal presidente russo Vladimir Putin, chiedendo ai cittadini di raccogliersi alle 19 ora locale nel centro delle loro citt. Migliaia di uomini russi – i nostri padri, fratelli e mariti – saranno gettati nel tritacarne della guerra. Per cosa moriranno? Per cosa piangeranno madri e bambini?, afferma il gruppo. Non chiaro quanti oseranno protestare, viste la generale repressione dell’opposizione e le dure leggi russe contro il discredito di soldati e l’operazione militare.

Ore 09:48 – Ambasciatrice Usa a Kiev: Annuncio Putin segno di debolezza

La mobilitazione parziale ordinata dal presidente russo Vladimir Putin un segno di debolezza. quanto sostiene l’ambasciatrice statunitense in Ucraina. I referendum farsa e la mobilitazione sono segni di debolezza, del fallimento russo, ha scritto Bridget Brink su Twitter. Gli Stati Uniti non riconosceranno mai la pretesa della Russia di annettere il territorio ucraino, e continueremo a stare al fianco dell’Ucraina per tutto il tempo necessario

Ore 09:20 – Il ministro russo Shoigu: Mobilitati 300mila riservisti

Nell’ambito della mobilitazione parziale in Russia annunciata dal presidente Vladimir Putin in un discorso alla nazione, verranno richiamati 300mila riservisti. Lo ha annunciato il ministro della Difesa russa, Sergey Shoigu, in un’intervista alla tv Rossiya-24. Shoigu ha sottolineato che i militari di leva e gli studenti non verranno mobilitati ma che solo chi ha esperienza di combattimento e di servizio lo sar.

Ore 09:03 – Il ministro russo Shoigu: Stiamo combattendo contro l’Occidente

Il ministro della Difesa russa, Serghei Shoigu, ha definito difficile la guerra in corso. Non stiamo combattendo contro l’Ucraina, ha spiegato, visto che l’Ucraina stessa ha da tempo esaurito le armi, ma contro l’Occidente intero e la Nato. E ha aggiunto che tutti i tipi di armi, compresa la triade nucleare, possono adempiere ai loro compiti.

Ore 08:55 – Berlino: L’annuncio di Putin segna un’escalation

L’annuncio di una parziale mobilitazione appena fatto da Vladimir Putin segna una nuova escalation nell’aggressione all’Ucraina. Si tratta di un passo pessimo, sbagliato. Lo ha detto il vicecancelliere tedesco verde Robert Habeck. Ci consulteremo per vedere come reagire sul piano politico, ha spiegato. chiaro che l’Ucraina dovr continuare ad avere pieno sostegno.

Ore 08:47 – Putin: Il nostro obiettivo la liberazione del Donbass

L’obiettivo di Mosca in Ucraina rimane la liberazione di tutto il Donbass. Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin, parlando di proposito irremovibile nel suo discorso alla nazione.

Ore 08:44 – Putin avverte: Anche noi abbiamo armi nucleari

Nel suo discorso alla nazione trasmesso in tv, in cui ha annunciato la mobilitazione parziale, il presidente russo Vladimir Putin ha accusato l’Occidente di ricatto nucleare. Alcune figure eminenti della Nato hanno parlato della possibilit di usare contro la Russia armi di distruzione di massa, cio armi nucleari. A chi fa dichiarazioni di questo tipo sulla Russia, voglio ricordare che anche il nostro Paese dispone di armi nucleari, ha detto Putin.

Ore 08:30 – Kiev Mosca ha di nuovo bombardato Zaporizhzhia

L’operatore nucleare ucraino Energoatom ha accusato la Russia di aver nuovamente bombardato il sito della centrale nucleare a Zaporizhzhia. I terroristi russi l’hanno bombardato ancora durante la notte ha detto Energoatom su Telegram.

Ore 08:18 – Putin dichiara mobilitazione parziale in Russia

In un discorso alla nazione in tv il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato una mobilitazione parziale in Russia, con il richiamo dei militari della riserva. La leva militare riguarder i cittadini che fanno gi parte delle riserve e quelli che hanno svolto servizio militare nelle forze militare e hanno esperienza. I richiamati, prima di essere richiamati al fronte, svolgeranno ulteriore addestramento, ha spiegato Putin.

Sui referendum nei territori occupati ha annunciato che hanno il sostegno di Mosca.

Leggi qui l’articolo integrale.

Ore 05:34 – Draghi all’Onu: le sanzioni hanno avuto effetto dirompente sulla Russia

(Monica Guerzoni, inviata a New York) La guerra di Mosca contro Kiev un attacco ai valori dell’Occidente. E il colpevole della crisi alimentare, energetica ed economica che il conflitto ha innescato ha un nome e un cognome: Vladimir Putin.Il premier italiano lo scandisce con tono severo davanti all’Assemblea generale dell’Onu,
forte del premio al migliore statista mondiale dell’anno .
ricevuto luned sera dalla fondazione Appeal of Conscience, con laudatio dell’ex segretario di Stato americano Henry Kissinger.

Draghi durissimo. E se Giorgia Meloni afferma che i nostri nemici non sono cos isolati come sembrano, i ragionamenti dell’ex presidente della Bce puntano a isolare Putin, finch non decider di tornare al rispetto dei principi che la Russia scelse di sottoscrivere nel 1945. L’escalation dello zar impone una scelta di campo: I referendum per l’indipendenza del Donbass sono un’ulteriore violazione del diritto internazionale che condanniamo con fermezza.

Leggi qui l’articolo completo

Ore 05:34 – Scholz all’Onu: non accetteremo una pace dettata da Putin

Non accetteremo una pace dettata da Putin. L’Ucraina dev’essere in grado di potersi difendere. Lo ha dichiarato il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, nel suo discorso all’Assemblea generale dell’Onu. E, ancora: Putin rinuncer a questa sua aggressione imperialista solo se realizza che non pu vincere. Per questo bisogno aiutare l’Ucraina a difendersi. L’azione di Putin ingiustificabile, motivata solo dal suo desiderio di impadronirsi dell’Ucraina,

Ore 05:33 – Giappone all’Onu: inaccettabile invasione Russa in Ucraina

L’invasione russa dell’Ucraina non avrebbe mai dovuto essere tollerata e calpesta la filosofia della carta dell’Onu: il premier giapponese Fumio Kishidanel suo intervento all’assemblea generale dell’Onu.

Ore 05:31 – Putin ha paura di perdere. Ecco che cosa significano i referendum

(Francesco Battistini, inviato a Kiev) C’era da aspettarselo?

S. Putin ha almeno tre buoni motivi per indire adesso i referendum. Primo: anche nel Donbass ha cominciato a perdere e teme di doversi ritirare, come da Kharkiv. La situazione militare dei russi pessima e circola l’impressione che stiano perdendo. Secondo: l’arena internazionale s’ fatta pi difficile e a Samarcanda, per la prima volta, c’era un Putin pi debole. Non s’era mai visto che i cinesi o gl’indiani gli mancassero di rispetto: Modi gli ha detto chiaramente di non condividere la guerra, quella parte di mondo si sta spostando sulle posizioni occidentali. Terzo: Putin in difficolt anche all’interno, criticato, i falchi lo vogliono pi duro. E il referendum verr venduto come un risultato.

Ivan Yakovina sa di che cosa parla: fino al 2014 era un analista politico (mal tollerato) a Mosca; con l’annessione della Crimea, venne in Ucraina; a 42 anni, ha un programma sulla tv pubblica ed uno dei pi influenti blogger.

Leggi qui l’intervista completa

Ore 05:26 – Usa valutano l’invio di carri armati all’Ucraina

(Andrea Marinelli e Guido Olimpio) La possibilit di fornire tank all’Ucraina sul tavolo ma per ora non c’ alcuna decisione ed prematuro dire se accadr. La frase delle fonti ufficiose americane un modo per aprire la strada. Gli Stati Uniti — dicono le indiscrezioni — hanno studiato l’opzione carri armati, un equipaggiamento che potrebbe aumentare le possibilit della resistenza. Un aiuto ancora pi importante in una fase in cui Kiev ha riportato successi. Dal Pentagono, per, sottolineano ostacoli temporanei: alcuni dei mezzi valutati richiedono un addestramento impegnativo, una manutenzione complessa e sono piuttosto costosi in fatto di consumi. Una volta che li hai li devi mantenere. Gli ucraini hanno dimostrato grandi capacit e adeguamento a situazioni difficili, per la questione logistica si fa sentire. E per i difensori ancora di pi, vista la variet per ogni tipo di arma. Le cautele pratiche non escludono — insinua qualcuno — che in realt qualche forma di training (magari virtuale) sia iniziata. Mesi fa un alto ufficiale di Kiev disse apertamente che grazie al programma Lend and Lease approvato dalla Casa Bianca sarebbe stato possibile iniziare l’addestramento anche per mezzi non ancora consegnati.

Leggi qui l’articolo completo

Ore 05:18 – Blinken: Usa e alleati non riconosceranno mai le pretese di Putin

Qualsiasi falso referendum russo in Ucraina sarebbe illegittimo e un affronto ai principi di sovranit e integrit territoriale che sono alla base della Carta Onu proprio mentre i leader mondiali si stanno riunendo all’Assemblea generale dell’Onu. Lo scrive in un tweet il segretario di Stato americano, Antony Blinken. Se la Russia metter in scena questi falsi referendum, gli Stati Uniti e la comunit internazionale non riconosceranno mai le pretese della Russia su nessuna parte dell’Ucraina presumibilmente annessa. Continuiamo a stare con il popolo ucraino, aggiunge.

Ore 05:15 – Zelelnski: Grazie agli alleati per la ferma condanna ai referendum farsa

Ringrazio tutti gli amici e i partner dell’Ucraina per la loro massiccia e ferma condanna delle intenzioni della Russia di organizzare un altro pseudo-referendum nei territori ucraini occupati. Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel consueto videomessaggio serale.

21 settembre 2022 (modifica il 21 settembre 2022 | 15:01)

We wish to give thanks to the author of this post for this incredible material

Usa e alleati compatti contro i referendum annunciati da Putin | La Cina chiede il cessate il fuoco. Dopo il discorso di Putin, esauriti i voli da Mosca

Discover our social media accounts as well as the other related pageshttps://prress.com/related-pages/